Andrew O’Hagan




Il cliché sulla cronaca è che la gente ‘comune’ non vuole che si invada la sua privacy. Ma non è vero. La gente vuole parlare di chi è vivo e di chi è morto e di cosa è cambiato più di ogni altra cosa. Ma a chi appartiene la storia di una vita? Ognuno possiede la propria? E quella dei propri figli? O queste storie fanno solo parte di ciò che la vita ha manifestato nel corso del tempo, senza un tutore, un proprietario, un custode che detenga i diritti e conservi le chiavi? Di fronte alla legge abbiamo tutti diritti e doveri, ma siamo noi i proprietari di ciò che siamo e di ciò che abbiamo fatto? E la privacy è un pio desiderio o un diritto acquisito? Oppure non esistono diritti d’autore sulla nostra esperienza, ma solo la capacità degli altri di ricordare o dimenticare?

(Andrew O’Hagan,
La vita segreta, Adelphi,
trad. di Svevo D’Onofrio)

Annunci

Il tuo punto di vista

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: